La Legna Punto Calore Si Posiziona Tra Le  3490 E 3010 Kcal/Kg !!!!

Ai fini del riscaldamento, occorre accertarsi che le caratteristiche della legna soddisfino alcuni requisiti importanti da non trascurare, il più importante dei quali è senz’altro la corretta stagionatura o essicazione, in altre parole la legna deve possedere il giusto grado di umidità intorno al 10-15%, per cui assume importanza anche il periodo dell’anno in cui viene tagliata che dovrebbe coincidere con periodo invernale.

La corretta stagionatura permette di disporre di un combustibile dall’ ottima resa e poco inquinante.
La conservazione deve avvenire in luoghi riparati e ben aerati, già tagliata opportunamente in pezzi adeguati al focolare che la deve ricevere. Occorre tener presente che anche le dimensioni del taglio hanno la loro importanza a seconda del tipo di focolare (stufa, caminetto, caldaia).

La legna si suddivide in legna dolce e legna dura in base al peso in kg di un metro cubo di materiale. A legna dolce che pesa circa 300-350 kg/m3 è quella di abete, pino, pioppo, ontano, castagno, salice, mentre la legna dura che pesa circa 350-400 kg/m3 è quella di faggio, frassino, carpine, acacia e quercia.
La legna dolce si accende facilmente, si consuma in fretta e sviluppa una fiamma lunga e la si usa nei forni che richiedono un lungo giro di fiamma. La legna dura invece è più compatta, la combustione è più lenta con fiamma corta, dura di più ed è più adatta al riscaldamento domestico.

La legna da ardere, ai fini del riscaldamento, presenta caratteristiche diverse a seconda della varietà di pianta dalla quale è ricavata. Non tutti i legni sono uguali e le caratteristiche circa il tempo di essicazione ed il potere calorifico variano da pianta a pianta. Il potere calorifico dipende dal tasso di umidità e dalla sua densità. I legnami di qualità ottima sono il faggio, frassino carpine e acacia.

Da evitare in generale i legni resinosi.
Il potere calorifico dei differenti tipi di legna dipende molto dalla loro umidità e di conseguenza la potenza delle caldaie o delle stufe è direttamente influenzata dal tipo di legna impiegato, in media una legna ben stagionata ha un potere calorifico di 3200 kcal/kg.
Potere calorifico della legna in funzione della sua umidità.

Percentuale umidità - Potere calorificho (in kcal/kg)
15% = 3490 kcal/kg
20% = 3250 kcal/kg
25% = 3010 kcal/kg
30% = 2780 kcal/kg
35% = 2450 kcal/kg
40% = 2300 kcal/kg